PERSONA - FAMIGLIA

Calcolo del danno alla persona

Calcolo del danno alla persona

Il danno alla persona secondo le indicazioni giurisprudenziali può essere configurato in due categorie: danno non patrimoniale e danno patrimoniale.

Danno non patrimoniale: Danno biologico

Il danno biologico (o danno alla salute) è la lesione temporanea o permanente all’integrità psico-fisica della persona suscettibile di accertamento medico-legale, che esplica un’incidenza negativa sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico-relazionali della vita del danneggiato, indipendentemente da eventuali ripercussioni sulla sua capacità di produrre reddito.

Il danno biologico, cioè il danno alla salute, ricomprende sia i danni fisici che i danni psichici (ansia che diventa patologica, sindrome post traumatica da stress, attacchi di panico che necessitano di un intervento specialistico, ..).

Al fine di comprendere il concetto di danno biologico bisogna partire dalla premessa che l’integrità della persona è un bene primario, che deve essere tutelato giuridicamente quando la menomazione abbia compromesso, totalmente o parzialmente, definitivamente o temporaneamente, le capacità del la persona di attendere alle sue ordinarie occupazioni.

Nell’ambito della responsabilità civile auto la legge fornisce dei criteri certi di liquidazione del danno biologico solo nel caso di lesioni micropermanenti, ossia che non superano i 9 punti di invalidità, per i quali è stata opportunamente  redatta una tabella come stabilito dall’art. 139 del Dlgs. 209/2005 (Codice delle Assicurazioni); per gli altri danni (macropermanenti, sopra il 9%) è necessario fare riferimento a tabelle elaborate da diversi tribunali in quanto la tabella nazionale indicata invece dall’art. 138 del predetto codice non è ancora stata emanata. Tra queste le più utilizzate per il calcolo del danno e indicata come riferimento anche dalla Corte di Cassazione  è la Tabella del Tribunale di i Milano.

La determinazione del danno biologico sia per il suo carattere permanente sia per quello temporaneo è di competenza dello specialista in medicina legale e della assicurazioni.

Affinché possa affermarsi l’esistenza di un danno biologico, devono sussistere i seguenti elementi:

Danno morale

Il danno morale soggettivo  è la sofferenza soggettiva (pretium doloris) cagionata da fatto illecito e va risarcito solo nei casi previsti dalla legge, in primis se il fatto illecito costituisce reato (art. 185 c.p.) (3).

Esso viene liquidato sul base equitativa, aumentando l’importo riconosciuto a titolo di danno biologico.

Nell’ambito della responsabilità civile auto le ultime sentenze della giurisprudenza si sono indirizzare per ritenere che per le lesioni con postumi micro-permanenti il danno morale è già contemplato nel valore determinato a titolo di risarcimento per il danno biologico.

Danno da cinestesi lavorativa

Rientra nell’alveo del danno non patrimoniale il danno da cinestesi lavorativa che si attribuisce al danneggiato in conseguenza di della maggior usura, fatica e difficoltà che, a causa della lesione subita, incontra nell’esercizio dell’attività lavorativa senza tuttavia che vi siano ripercussioni sulla capacità reddituale e pertanto di produrre guadagno.

Danno patrimoniale: Danno emergente

Il danno patrimoniale emergente è l’effettiva diminuzione di patrimonio che il danneggiato ha subito in conseguenza di un danno subito.

Esempio di danno emergente sono le spese sostenute (spese mediche, riabilitative, anche il costo di riparazione degli oggetti o del veicolo può essere considerato come un danno emergente).

Lucro cessante

Il danno da lucro cessante è più comunemente chiamato mancato guadagno del danneggiato; questo danno può essere causato dalla perdita della capacità lavorativa e di produrre reddito.

La perdita o diminuzione della capacità lavorativa e pertanto di produrre reddito può essere temporanea o definitiva. In campo medico legale la diminuzione della capacità lavorativa futura che incide sul reddito viene definito danno specifico.

Si può configurare un lucro cessante (mancato guadagno) anche quando a causa del danno subito al veicolo di proprietà il suo proprietario non è stato in grado di adempiere alle sue attività lavorative e pertanto non è stato in grado di produrre reddito. Il tutto ovviamente deve essere opportunamente provato.

Per ottenere ulteriori informazioni puoi contattarci, senza impegno, chiamando il numero verde 800 25 85 25 o compilando il “form” a lato.

NON HAI TROVATO COSA STAI CERCANDO?

Lasciaci i tuoi recapiti per poterti contattare!

RICHIESTA DI CONSULENZA
Compila il form e verrai
ricontattato o
chiama il numero verde
800 25 85 25

Sarai protetto dalla garanzia che sosterrà dei costi solo ed esclusivamente alla sola soluzione del problema.

 

Top
× Come possiamo aiutarti?